6239
post-template-default,single,single-post,postid-6239,single-format-standard,theme-onyx,mkd-core-2.0.1,mikado-core-2.0.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-3.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,onyx_mikado_set_woocommerce_body_class,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

Pannelli in finta pietra: dove applicarli e quanto costano?

Realizzare delle pareti in pietra naturale oltre ad essere una procedura complicata in quanto occorrono delle competenze specifiche, è anche molto costosa, per non parlare poi dei tempi di lavorazione e di tutta la polvere che si crea durante la fase di lavoro.

Si sa, la pietra è il simbolo dell’accoglienza e dell’ospitalità, tuttavia per chi vuole conferire alla propria abitazione un effetto rustico, si potrebbe optare per un’altra soluzione, i pannelli in finta pietra. Hanno un prezzo molto più economico rispetto alla pietra naturale, consentono ugualmente di creare pareti decorative dal gradevole risultato estetico desiderato.
In aggiunta, tra le tante caratteristiche che vantano, la posa dei pannelli in questione richiede poco tempo di lavoro. Insomma da come si può denotare, si possono trarre più vantaggi che svantaggi.

Pannelli in finta pietra: dove si possono applicare?

  1. Cucina in muratura
    Questi pannelli possono rappresentare la soluzione perfetta per realizzare una cucina in muratura, proprio così. Per ottenere l’effetto desiderato, scegliere una piccola porzione di muro, magari dietro ai fornelli e procedere con l’applicazione. Il risultato? Davvero straordinario, perché conferirà quel tocco rustico similare allo stile retrò.
  2. Bagno
    Lo stile rustico si può adattare anche al bagno. In che modo? La risposta è molto semplice: basta puntare su materiali naturali come il legno, preferibilmente quello dall’effetto “usato” e la pietra. Questo connubio sarà perfetto per ottenere uno stile vintage di tutto rispetto. I pannelli dovranno essere applicati al posto dei classici rivestimenti in piastrelle.
  3. Caminetto
    I pannelli in finta pietra si possono applicare anche sopra il camino, conferendo all’ambiente circostante un’atmosfera particolarmente calda e accogliente.
  4. Arredare l’esterno
    La finta pietra può essere utilizzata anche per l’esterno. Grazie alle caratteristiche che possiede si rivela resistente agli agenti atmosferici e durevole nel tempo. Ma in ambienti con alte concentrazioni di cloro e sali con il tempo il colore tende a sbiadirsi pertanto non sono indicati per la messa in opera su bordi di piscine.

Esistono tantissimi modelli di pietra, con forme e misure differenti. Ogni singolo modello è composto da diverse tonalità. Si tratta di una soluzione piuttosto versatile ma anche economica e per gli amanti del classico design i pannelli in finta pietra rappresentano il giusto espediente per rendere l’ambiente davvero confortevole sotto tutti i punti di vista.

Pannelli in finta pietra: quanto costano?

E ora andiamo al nocciolo della questione: quanto costano? I prezzi possono variare da modello a modello e a seconda del supporto, che può essere in:
Polistirolo;
Poliuretano;
Polistirene;
Vetroresina;
Gesso.

Si parte da un minimo di 10€ per quelli in polistirolo per toccare punte di 80-100€ al metro quadro per quanto riguarda invece il poliuretano e polistirene ad alta densità . Naturalmente i prezzi variano da località a località. E’ consigliabile farsi fare diversi preventivi prima di optare per un’azienda piuttosto che un’altra.

Pannelli in finta pietra in polistirolo, perché optare per tale scelta?

I vantaggi possono essere tanti. I motivi che spingono sempre più persone a focalizzare l’attenzione su questo tipo di materiale sono tra i più disparati:
Materiale leggero e può essere applicato persino su pareti in cartongesso o sui muri non portanti;
E’ ignifugo per cui può essere applicato anche sui caminetti o collocato in cucina come illustrato in precedenza;
E’ molto facile da pulire;
E’ altamente resistente all’umidità;
La scelta di finiture è molto vasta;
Grazie alla sua elasticità può essere applicato su superfici sia verticali che orizzontali.

Sia i pannelli in gesso che in vetroresina non vantano proprietà isolanti, però sono indicati per muri soggetti ad umidità e condense.

Per quanto concerne invece i pannelli in poliuretano rappresentano una valida soluzione per migliorare l’isolamento termoacustico esattamente come un cappotto termico.

No Comments

Posta un commento

0